SPETTACOLI, ARTE, CULTURA E ENOGASTRONOMIA, NEL PAESE DI LADYHAWK E I BORGIA

Castell'Arquato è uno dei borghi più belli d'Italia. Situata in una zona di dolce colline a ovest di Fiorenzuola, la sua splendida architettura romanica è perfettamente conservata.

Romanticamente medievale, è stata il set di film come Ladyhawk con Michelle Pfeiffer e più recentemente della serie tv dedicata a I Borgia.

É una zona ricca di vini di ottima qualità e di piatti genuini e saporiti. 

A metà strada tra Parma e Piacenza, vanta Hotel de Charme, Relais, ristoranti di alta qualità, enoteche e trattorie tipiche e agriturismi caratteristici.

Confine con le Terre Verdiane di Busseto, Roncole Verdi, Sant'Agata, Fiorenzuola e Villanuova.

LA BORGATA

Castell’Arquato è un borgo d’arte di rara bellezza pervaso di atmosfere magiche d’altri tempi.
Le sue case basse color mattone e vicoli stretti in acciottolato portano alla cima del colle, dove si apre la magnifica piazza monumentale in questo nucleo urbano perfettamente conservata nella Val d’Arda che sfuma da un lato verso la via Emilia e la Padania, dall’altro verso i colli di Vernasca e il borgo-gioiello di Vigoleno.
La parte monumentale è ricchissima. La Rocca Viscontea, voluta dal comune di Piacenza ed eretta da Luchino Visconti tra 1342 e 1349, è una delle più notevoli fabbriche militari dell’Italia del Nord. Oltre ai muri esterni restano le quattro torri difensive, di cui solo quella orientale è integra. Su tutto il complesso domina la mole del dongione, che vale la salita per lo splendido panorama e il Museo della Vita Medievale che vi è allestito.

Di grande bellezza è il gruppo absidale della Collegiata, una delle chiese più antiche del territorio, già esistente nel 756 con funzione di pieve battesimale, ricostruita dopo il terremoto del 1117 e consacrata nel 1122.
La fonte battesimale in pietra è databile VII-VIII sec., mentre il bel portale strombato, l’architrave e la lunetta scolpita sono del XII sec. Sul lato sinistro della chiesa scorre il portico tre-quattrocentesco detto “del Paradiso” perché ospita le tombe di personaggi illustri. La parte più affascinante è comunque il gioco volumetrico delle quattro absidi contrapposto al tetto a capanna della chiesa e al campanile quadrato. La Collegiata ospita un piccolo e prezioso museo di arte sacro.

Il 1292 è l’anno di costruzione del Palazzo del Podestà, sul lato nord della piazza monumentale.
L’anima più antica è data dal mastio rettangolare, al quale dal Quattrocento sono stati aggiunti corpi successivi, come la Loggetta dei Notari.
L’elegante scalinata esterna dà una rara armonia alla mole della facciata, munita di parapetto nel XV sec.
Particolare è la torre pentagonale, presente già nel progetto originale. Questa commistione e stratificazione di stili non non fa che aggiungere al fascino della costruzione.
Da vedere, inoltre, nel quartiere di Monteguzzo il Torrione Farnese, eretto intorno al 1530 e rimasto incompiuto, pare, per la morte del duca Bosio II Sforza. Costruito interamente in laterizio, faceva parte del sistema difensivo del borgo con funzioni militari, anche se nel complesso ha una certa grazia che lo rende attraente e misterioso, per via dei passaggi segreti di cui si favoleggia. Passaggi segreti che dovevano condurre in aperta campagna o al Palazzo del Duca, nome che prende nel Seicento il Palazzo di giustizia edificato nel 1292.
È dello stesso periodo la Fontana del Duca, ancora in funzione e fino al secolo scorso, usata come lavatoio pubblico.

Di epoca cinquecentesca è l’Ospedale di Santo Spirito, che ospita lo splendido Museo Geologico. E’ un museo ricchissimo di reperti straordinari essendo la zona sommersa dal mare in epoca preistorica.

Della robusta cinta muraria innalzata nel 1342 dal duca Azzo Visconti oggi restano solo due delle quattro primitive porte d’accesso, una molto rimaneggiata nel XVII sec., l’altra – la Porta di Sasso – originaria dell’epoca viscontea. Nella frazione di Vigolo Marchese, a pochi chilometri da Castell’Arquato si può ammirare lo splendido complesso romanico con la chiesa e il battistero di San Giovanni, fatti costruire nel 1008 dal marchese Oberto d’Orta, signore della Val Nure.
Le forme aggettanti del battistero a pianta circolare, il colore dorato dei laterizi e delle pietre nella quiete della campagna, sono pura poesia visiva.

 

 

MANGIARE & DORMIRE

 

A Castell'Arquato e nei dintorni è disponibile un'ottima varietà di soluzioni per dormire da alberghi 4 stelle ad agriturismi e B&B.

 

La casa dove Illica ha vissuto e dove ha lavorato con Puccini e Mascagni è oggi un Relais di Châteaux - Casa Illica .

Il Leon d'Oro è un Hotel de Charme con ottimi servizi situato in un palazzo liberty all'ingresso della borgata.

Podere Palazzo Illica, il palazzo di campagna della madre di Illica, offre un' ospitalità elegantamente rustica. 

B&B Il Giardino della Fantasia, Villa Dircea e Wine, B&B Cardinali, B&B del Ducato sono tutti nel borgo o nelle immediate vicinanze.

 

Nella vicina Luganano si trova l'ottima Locanda Tiberio e a Vigolo Marchese si trova la Locanda Sidoli che offre una ricca cucina.

Per gruppi che sono interessati a venire Salsomaggiore  ha una vasta offerta alberghiera a prezzi molto competitivi e dista solo 9 km da Castell'Arquato.

 

Un elenco completo di alberghi e pensioni nella zona è disponibile allo IAT Assistenza Turistica di Castell'Arquato

P.za Municipio, 29014 Castell’Arquato PC
Tel.e Fax ++39 0523 803215
iatcastellarquato@gmail.com

e sul sito

http://www.castellarquatoturismo.it

IL VINO

La cultura della vite ha radici antichissime a Castell’Arquato, sede di un’enoteca comunale e di numerose cantine. Il Monterosso Valdarda Doc Colli Piacentini prende il nome da una collina accanto al borgo, si produce solo nelle valli circostanti ed è, perciò, il vino locale per definizione. Gli altri grandi vini Doc del territorio sono l’Ortrugo, la Malvasia, il Sauvignon e, tra i rossi, il Gutturnio e la Bonarda.

 

I PIATTI DEL BORGO

Gli anolini in brodo (anvein in dialetto): mentre nel resto del Piacentino si fanno con un ripieno di stracotto, qui il ripieno è di grana padano amalgamato con pane grattato e odori.
Il brodo è rigorosamente di gallina, manzo e vitello.
Il patrimonio gastronomico locale non può prescindere dai salumi: tre quelli che hanno ricevuto la Dop, ossia la coppa, la pancetta e il salame piacentino. Nella frazione di Vigolo Marchese nasce una sorta di crostata al cioccolato, la cui ricetta è segreta.
I ristoranti e osteria della zona sono di ottima qualità e molti offrano eccellenti menu a prezzo fisso, sopratutto all'ora di pranzo
.

Si può mangiare in un wine bar, enoteca trattoria o pizzeria per €7,00 / €20,00 e nei ristoranti di qualità da €20,00 a €45,00.